10 idee per riciclare la birra

Hai fatto una cena romantica, o una bella serata con gli amici e sono rimasti i “fondi di bottiglia” ; oppure hai comprato o ricevuto in regalo una birra azzardata che non rispecchia i tuoi gusti?
Tu che sei grande amante della birra, soprattutto della nostra Birra Artigianale San Biagio, soffri al solo pensiero di dover svuotare nel lavandino un bene così apprezzato!

Non preoccuparti. Ecco 10 idee efficienti per riciclare la birra e finire le bottiglie aperte! 😉 

1. Risciacquare i capelli con la birra: un fantastico trattamento di bellezza

Dall’antichità è risaputo che lavare i capelli con la birra aumenta il volume e la lucentezza della chioma. La birra, oltre ad avere grandi proprietà nutritive legate alle vitamine del gruppo B, zuccheri e potassio, ha anche un effetto schiarente e riflessante, maggiore della camomilla. Dunque per riflessi chiari e dorati, 15 min di impacco sono sufficienti, mentre per un effetto solo rinforzante basteranno 5 minuti.

Si consiglia di fare lo shampoo normalmente, meglio se con un prodotto neutro. Versare un po’ di birra sulla capigliatura sciacquata e massaggiare lasciando agire il tempo necessario per l’effetto voluto. Se si desidera si possono avvolgere i capelli in un asciugamano. Terminato il tempo di posa, procedere al risciacquo, massaggiando bene. Non c’è da preoccuparsi per l’odore, perché dopo l’impacco resterà solo una leggera e gradevole fragranza. Quindi procedere alla piega come sempre: i capelli terranno molto meglio la pettinatura e avranno più lucentezza.

2. Fare il bagno con la birra: per una pelle più morbida

Lo raccontiamo anche in questo articolo dedicato a Cleopatra e ai suoi bagni nella birra chiara: https://www.birrasanbiagio.com/una-pelle-morbida/
Cleopatra, soleva fare bagni di birra per mantenere la sua pelle morbida e vellutata e per tener lontane le infezioni.

Il bagno con l’aggiunta di birra nell’acqua rende la pelle morbida e idratata grazie all’effetto del lievito, fonte naturale più ricca del gruppo della vitamina B, che favorisce la rigenerazione dei tessuti. La birra ha effetti benefici sul corpo e sulla pelle, anche grazie a luppolo e malto che sono ricchi di vitamine e metalli preziosi. Infine è ricca di antiossidanti e contribuisce a stimolare il metabolismo. Oggi esistono trattamenti termali ed estetici alla birra e l’esperienza si può provare anche in Italia.

Anche in questo caso… non dimenticarsi di risciacquare!

3. Fare il pediluvio con la birra: una vera SPA per i piedi
pediluvio con birra

La birra, come lo abbiamo appena ricordato, ha proprietà benefiche per la pelle e i tessuti. Per questo è un tocca sano, anche per i piedi stanchi e affaticati dal caldo o dalle troppe ore seduti in ufficio. Una SPA pedicure semplice e facile da fare: basta preparare un pediluvio aggiungendo mezzo bicchiere di birra fredda all’acqua tiepida, immergere i piedi e godersi gli effetti, ricevendo sollievo non solo allo spirito… ma anche ai piedi!

4. Pulire i gioielli per farli risplendere: un po’ di brillantezza

Economia ed ecologia, le due parole chiavi di questo consiglio da veri intenditori di birra. Per lucidare i gioielli senza prodotti chimici basta mettere gli anelli, bracciali o collane in una ciotola di birra e lasciare per un tempo che può variare. Si consiglia di controllare continuamente cosa succede agli accessori e comunque di toglierli a un certo punto e strofinarli con un panno asciutto.
L’effetto refresh è assicurato!

5. Pulire i mobili in legno e renderli vivi: il vecchio diventa nuovo
pulire mobili legno

La birra può essere utilizzata come cera per i mobili di legno: si consiglia di inumidire un panno in microfibra con un po’ di birra e di strofinare delicatamente la superficie dei mobili. Una semplice operazione che sembra donare splendore e rendere il colore del legno più vivo.
Provare per credere!

6. Smacchiare e lavare: addio macchie
Birra

La birra come smacchiatore pare sia davvero efficace, soprattutto se associata all’acqua gasata… salvo poi risciacquare per bene, per togliere l’odore dagli indumenti! Funziona anche sul tappeto macchiato con tè o caffè.
Viene tra l’altro consigliata per lavare i cuscini delle persone che soffrono di insonnia: pare che il profumo rilasciato aiuti a rilassarsi e abbandonarsi tra le braccia di Morfeo, convincendo pure i più irrequieti!

7. Medicina naturale segreta: con moderazione
birra

La birra, se adoperata con moderazione,  può effettivamente agire come una medicina. Risulta infatti efficace per combattere mal di gola, mal di stomaco, mal di testa, dolori generali e come detto sopra insonnia. Occorre però sottolineare la parola “moderata”: altrimenti ai dolori già presenti, si rischia di aggiungere il mal di testa 😉 !

8. Giardinaggio: il pollice si tinge di verde
birra e piante

Questo modo ingegnoso di utilizzare la birra risulta perfetto per gli amanti del giardinaggio. Aggiungendo un po’ di acqua alla birra e versando il composto sui fiori, si otterrà come risultato una loro crescita più rapida. Oppure imbevendo un batuffolo di cotone nella birra e passandolo sulle foglie delle piante, queste diventeranno subito più luminose
Sempre in giardino, è possibile utilizzare le birra come rimedio contro le lumache. In questo caso basterà depositare un piattino pieno di birra circa sotto il livello del suolo, vicino alla pianta “infestata” (va benissimo anche una scatoletta, quelle solitamente usate per il tonno). In questo modo le lumache saranno attirate, soprattutto dal luppolo, abbandonando le foglie.

9. Scaccia – api e vespe: un po’ di pace
vespa

Quante volte è capitato che pranzi e feste all’aperto venissero rovinati da fastidiosi insetti ronzanti? Una soluzione creativa è riempire una ciotola con la birra (magari aggiungendo dello zucchero) e posizionarla un poco lontana dal tavolo: i fastidiosissimi insetti saranno attratti dai profumi e dall’odore zuccherino e vi lasceranno divertire in pace!

10. Cucina: arricchire le pastelle
pastella

Più leggera di quella fatta con il latte, la pastella alla birra è indicata soprattutto per friggere le verdure, rimanendo più compatta e formando uno strato intorno ai cibi, che cuociono così senza entrare direttamente a contatto con l’olio bollente. La birra può essere aggiunta anche alla pastella delle crepe. Un segreto che ci arriva dalla Francia e dal Beglio, per rendere la crepe più soffice e morbida.

*tratto dall’articolo di Eleonora Cresci su Greenme

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *