Birra vs Cocktail: cosa bere la sera?

birra vs cocktail bottiglia e bicchiere

La sfida birra vs cocktail non conosce una fine. Si tratta di due bevande talmente diverse tra loro che è impossibile decidere o trovare un vincitore assoluto. Se in molti preferiscono i cocktail per via dell’ampio raggio d’azione e quindi dei mille mix che è possibile provare, in tanti amano la birra (soprattutto quella artigianale) per lo stesso identico motivo. Tra birre e cocktail non ci sarà mai e poi mai un vero vincitore. Abbiamo provato a descriverti quelli che sono i pro e i contro di ciascuna delle due categorie di bevanda.

Possiamo dirti con certezza che la birra salvaguarda (rispetto ai cocktail) sia la salute che la linea, ma non possiamo di certo dirti che disdegniamo un buon cocktail ghiacciato, soprattutto in estate. Se non sai proprio cosa scegliere perché non ti diverti ad assaggiare uno dei cocktail alla birra dei quali ti parleremo tra poco?

Birra vs Cocktail: qual è meglio?

Birra vs Cocktail: è sfida all’ultimo drink per due tra le tipologie di bevande più amate di ogni tempo. Birre e Cocktail si contendono podio tra le bevande tipiche del sabato sera tra amici. Ognuna di loro ha i propri pro e contro e la scelta finale dipende esclusivamente dai gusti del singolo bevitore.

Tuttavia, c’è da specificare che mentre una buona birra artigianale può fare persino bene alla salute e che comunque le birre non sono dannose alla stessa se consumate con moderazione, i cocktail sono molto più dannosi. Il motivo è semplice: il cocktail è una miscela, non un prodotto. Una miscela ottenuta mescolando tra loro bevande alcoliche e analcoliche, frizzanti e lisce, amare e dolci, zuccherate e non zuccherate. Per non parlare del fatto che molti tra i cocktail più conosciuti e realizzati di sempre vengono realizzati con l’aggiunta di coloranti artificiali o sciroppi ricchi di zuccheri e conservanti.

All’interno del nostro e-commerce vendiamo birre artigianali di ogni tipo, ma non siamo specializzati nei cocktail. Tuttavia, se proprio non riesci a scegliere e il duello birra vs cocktail ti sembra infinito, sappi che esistono un’infinità di cocktail alla birra che puoi richiedere o divertirti a preparare da te.

Birra vs Cocktail: il gusto

Molti, tra i giovani, preferiscono bere cocktail la sera piuttosto che sorseggiare una buona birra per una questione di gusto. Lungi da noi criticare la scelta: il palato è soggettivo e i gusti lo sono di conseguenza. Da mastri birrai, però, noi di birrificio San Biagio ci sentiamo in dovere di muovere una piccola osservazione: i giovani di oggi non amano la birra perché, di fatto, non “conoscono” la vera birra.

La birra da supermercato, acquistata abitualmente dai giovani quando desiderano approcciarsi all’alcol, è una birra chiara e poco sfaccettata. Tutte le birre da supermercato, non a caso, si somigliano tremendamente quasi fossero realizzate nello stesso stabilimento e con gli stessi identici ingredienti. La birra artigianale è invece tutto un altro mondo.

Pensa che al mondo esistono oltre 400 stili di birra artigianale differenti. La birra artigianale può essere chiara, scura o ambrata. Esistono birre speciali, aromatizzate e pensate per celebrare determinati momenti dell’anno, come la nostra birra natalizia. Ci sono birre amare e dolci, birre leggerissime e birre molto forti, da degustazione. Esistono birre aspre, birre secche e birre molto frizzanti, così come birre quasi lisce e prive di bollicine.

Insomma, ce n’è per tutti i gusti. Non è detto che la birra sia da preferire al cocktail (anche se, suvvia, noi siamo un po’ di parte!) ma prima di scegliere ti consigliamo, se non l’hai già fatto, di addentrarti nel meraviglioso mondo delle birre artigianali.

Birra vs Cocktail: parliamo di linea

Molte donne preferiscono i cocktail alla birra perché gira ancora voce che la birra fa ingrassare. Nulla di più sbagliato! Ne abbiamo già parlato in precedenza e ti invitiamo ad approfondire l’argomento se sei interessato. In realtà non è la birra che fa ingrassare ma piuttosto l’eccesso calorico, riscontrabile anche bevendo alcolici di altro tipo, cocktail inclusi. Ma c’è una differenza abissale che fa sì che la sfida birra vs cocktail, almeno per quanto riguarda la linea, venga vinta dalla birra.

La birra è infatti in media molto meno calorica rispetto a un cocktail tradizionale. Una birra a bassa gradazione alcolica può avere tra le 140 e le 170kcal, mentre una birra molto forte e alcolica può arrivare al massimo a 250kcal. Nulla di esagerato, a conti fatti.

Per i cocktail il discorso è completamente diverso. Il cocktail meno calorico di tutti i tempi è il famoso mojito, che arriva a circa 180kcal per porzione, mentre con tutti gli altri si va a salire. Per realizzare i cocktail vengono utilizzati i superalcolici (che sono molto calorici) e gli sciroppi, o i frullati di frutta o, peggio ancora, bevande super zuccherine come la coca.

Almeno in questo caso, quindi, lunga vita alla birra!

Birra vs cocktail: troviamo un compromesso

Se proprio non riesci a schierarti da nessuna parte nell’annosa lotta birra vs cocktail, sappi che esistono degli eccezionali compromessi. È possibile realizzare con la birra degli ottimi cocktail da sorseggiare in compagnia. Alcuni di questi sono estremamente famosi e te ne parleremo tra poco, fornendoti anche qualche piccolo trick che ti tornerà utile se vorrai realizzarli in casa.  Pronto a scoprirli? Eccoli elencati uno ad uno:

  • Michelada: realizzato con 1 birra chiara + 120ml di succo di pomodoro + 15 ml di spremuta fresca di lime + 1 cucchiaino di salsa piccante (tipo tabasco), sale e pepe. È un cocktail particolarissimo che va gustato da solo, proprio per la sua complessità, senza associarlo ad altri alimenti
  • Radler: il radler è talmente famoso che in America viene commercializzato già pronto, in bottiglie. È possibile realizzarlo in casa utilizzando due semplici ingredienti. Il primo è la birra di grano (una buona pils è l’ideale), mentre il secondo è la lemon soda. Gli ingredienti andranno uniti in parti uguali!
  • Black velvet: il famosissimo black velvet riscuote molto successo soprattutto tra le donzelle. Per realizzarlo è sufficiente unire in parti uguali una birra scura (ti consigliamo una porter o una stout) e dello champagne.